Lettera di interrogazione in merito al manifesto della stagione teatrale 2016/2017

pagnotta

alla spettabile attenzione

dell’Associazione Teatrale Pistoiese

del Teatro Manzoni

del Sindaco e della Giunta Comunale di Pistoia

dell’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Pistoia
Da alcuni giorni è partita la promozione della stagione teatrale 2016/17 del Teatro Manzoni, sui cui manifesti e brochure spicca una imponente e generosa figura femminile: è una delle opere di Riccardo Mannelli, disegnatore, vignettista e pittore pistoiese di grande fama e riteniamo giusto voler rendere omaggio e valorizzare tra i tanti artisti un nostro concittadino.
“La passione sfama” è il titolo di quest’opera. Riccardo Mannelli è un grande artista rappresentante del realismo contemporaneo. È stato più volte definito “poeta del vero” poiché nei suoi ritratti i corpi femminili e maschili sono colti nella loro cruda verità. Non mancano rughe, pieghe della pelle, tatuaggi, nei, calvizie, muscoli tonici o al contrario rilassati e cadenti, corpi colti in pose quotidiane e realistiche ben lontane dalle pose di attori e attrice a cui siamo abituati ormai dappertutto e che riempiono l’immaginario collettivo. Anche la donna raffigurata in “La passione sfama” contiene quelle imperfezioni, quei segni di espressione e quella scompostezza nella posa che la rende così reale da sembrare vera.
 
Non siamo quindi a discutere l’opera del maestro Mannelli, né le intenzioni comunicative dell’artista.
Ci interroghiamo sull’opportunità di scegliere proprio quest’opera, allontanandola dal suo contesto più adeguato, per trasportarla su un manifesto e su una brochure finalizzati alla pubblicizzazione di una stagione teatrale e, quindi, alla vendita di un prodotto culturale.
Di questa figura non può non colpire quella pagnotta posta a coprire proprio gli organi genitali della donna, anzi è la prima cosa che si nota. L’accostamento “sesso e cibo” oppure “sesso e guadagno” oppure “sesso e pagnotta” con cui sopravvivere e avere il pane quotidiano non ci sembra una grande novità e anzi richiama una mercificazione del corpo femminile e della sessualità.
Probabilmente (ma non lo sappiamo) tutto questo non è nelle intenzioni dell’artista e nemmeno nelle vostre, ma questa è l’impressione che il manifesto comunica.
 
Come gruppo di donne e cittadine pistoiesi siamo sempre molto attente all’uso dell’immagine femminile, soprattutto se usata per manifesti o prodotti di vendita. E’ infatti riconosciuto il collegamento tra violenza sulle donne e stereotipi di genere, così come tra violenza e mercificazione del corpo femminile che la pubblicità propone continuamente. Le immagini infatti non restano solo immagini, ma si sedimentano in un immaginario collettivo: se esso è composto di rappresentazioni lesive della dignità e del valore della donna o del suo ruolo nella società, allora esse diventano il veicolo per la minimizzazione e giustificazione della violenza, della discriminazione, della marginalizzazione femminile nella società. E’ ormai riconosciuta a livello nazionale l’importanza di vigilare rispetto a tali tematiche e molte cose stanno cambiando in questo senso. Poiché il Comune di Pistoia ha aderito alla campagna “Città libere dalla pubblicità offensiva” promossa dall’UDI (Unione Donne in Italia) e la giunta pistoiese si è formalmente impegnata a far sì che tutte le iniziative di comunicazione istituzionale, la valutazione dei patrocini, e più in generale i progetti che vedono il coinvolgimento del Comune siano ispirate ai criteri di rispetto delle pari opportunità e di corretta rappresentazione dell’identità di genere, chiediamo spiegazioni e attendiamo una vostra risposta.
Cordiali saluti
Rete 13febbraio Pistoia
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in #tisaluto, Comune Pistoia, corpo delle donne, Diritti, Donne, GENERE, Pistoia, sessismo, stagione teatrale 2016/2017, Stereotipi di genere, Teatro Manzoni Pistoia, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...