DIALOGHI SULL’UOMO. UNA LETTERA APERTA

941986_543069065731656_2042796539_n

Abbiamo letto il programma dell’imminente edizione di “Dialoghi sull’uomo. Ci prepariamo ad acquistare i biglietti, fare le file, prendere posto, ascoltare, riflettere e magari, se il dialogo non si trasforma in monologo, aver qualcosa da chiedere o da aggiungere. Notiamo che sono previsti venti incontri, secondo uno schema ormai collaudato e fortunato nella risposta del pubblico. Il tema portante è quello del viaggio e, mentre stiamo scegliendo tra i viaggi che ci vengono proposti quest’anno quelli a cui partecipare, non possiamo non notare due strane presenze.

Cosa ci fanno – ci chiediamo smarrite– Eva Cantarella e Gabriella Calamore? Ben due donne? Dialogano sull’uomo? Dialogano sull’uomo/viaggiatore?

Qualcosa non quadra. Potremmo cominciare a pensare che un discorso sull’antropologia sia raccontabile anche da voci femminili, che un festival sul tema dell’incontro e del viaggio possa essere rappresentato dalle donne, finalmente smentendo quell’idea che vede la cultura appannaggio degli uomini e il mondo monogenere.

Potremmo – attenzione – addirittura arrivare a figurarci donne che studiano, ricercano, scrivono, pensano, e donne che viaggiano e non restano a casa ad attendere i propri uomini, eterne Penelope, mentre tessono tele e si prendono cura del focolare. Fortunatamente, scorrendo i nomi degli oltre venti relatori, di altissimo livello ed interesse, siamo confortate dal constatare che le presenze femminili sono soltanto due e che possiamo continuare a pensare che nessun cambiamento epocale stia avvenendo.

Conosciamo bene i limiti del nostro tempo e della nostra società. Ve lo immaginate un festival che ribalta le consuetudini, che impone uno sguardo altro, che non si cura delle quote rosa ma che sposta il centro, il fuoco della rassegna su un altrove non mascolino? Sarebbe un Carnevale!

Ve lo immaginate un festival costruito su questo ribaltamento? AscoltareNadia Urbinati, politologa, accademica, giornalista che avrebbe potuto raccontarci del viaggio ai confini della democrazia. Incontrare Margherita Hack e i suoi affascinanti viaggi tra le stelle. Sentire Martha Nussbaum che, oltre ad essere una delle più importanti voci della filosofia contemporanea, è anche membro del Committee on Southern Asian Studies e membro esterno del Human Rights Program. Andare in teatro a vedere Lella Costa che legge“Viaggio di una parigina a Lhasa” di Alexandra David-Neel. Ascoltare del viaggio possibile tra le culture non violente da parte di Riane Eisler. Essere presenti a una relazione in ricordo di una grande viaggiatrice antropologa come Margaret Mead, e delle sue ricerche sulle culture delle isole del pacifico e sugli adolescenti di Samoa. Nutrirsi del contributo venuto dall’approfondimento del viaggio nell’inconscio di Luce Irigaray. O ancora dal racconto profondo della fumettista Marjane Satrapi e il suo tragitto dall’Iran alla Francia. Seguire Michela Murgia che racconta il cammino di Maria. Incontrare Julia Kristeva e i suoi viaggi nelle biografie delle filosofe, psicoanaliste, scrittrici che hanno attraversato il mondo e lo hanno cambiato. I “Dialoghi sull’uomo”(e già il titolo la dice lunga!), diciamocelo, sono dialoghi tra uomini e il fatto che ci siano solo due presenze femminili, seppur rispettabilissime, è emblematico. La questione non si limita certo a questa manifestazione, sia a livello locale che nazionale le dinamiche sono le stesse: dove l’accademia si apre alla massa, si fa pontificatrice ed è dominante la cultura androcentrica, accentratrice, indiscutibile e autoritaria.

Un ultimo impossibile contributo avrebbe potuto essere un omaggio all’artista-performer PippaBacca che ha lavorato per anni sul concetto di viaggio, percorrendo il mondo in autostop; la sua ultima performance è stata “Spose in viaggio”, azione in cui l’artista avrebbe viaggiato, vestita da sposa, in autostop, toccando 11 paesi europei e medio-orientali, teatro di conflitti, e realizzando gesti di pace e di grande umanità. Il lavoro non fu portato a termine perché, in Turchia, il viaggio si interruppe. Pippa Bacca venne violentata e uccisa dall’uomo che le aveva dato un passaggio. Nella sua figura d’artista e di donna si ritrovano simbolicamente tutti i temi del viaggio che vengono affrontati in questi dialoghi: il viaggio come sfida, come mistero, come conoscenza diretta e legame di pace tra popoli diversi. L’epilogo tragico è forse il simbolo del perché siamo state escluse da questo evento: il mondo, ragazze, non è cosa per voi, statene lontane!

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comitati SNOQ Toscana, Comune Pistoia, Diritti, Donne, I Nostri Incontri, Lavoro, Toponomastica femminile, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

9 risposte a DIALOGHI SULL’UOMO. UNA LETTERA APERTA

  1. Molly ha detto:

    Mi piace molto questo paragrafo sul ribaltamento al femminile con i nomi e testi menzionati!

    Avete ragione. Se fossero incluse tutte queste proposte sarebbe davvero un festival bellissimo e completo, ricco di pensieri e riflessioni…e letture magari anche nuove, o riletture dopo tanti anni!! E soprattutto perché e’ sul tema proprio del VIAGGIO che ovviamente non appartiene solo all’uomo.

  2. caterina gottardo ha detto:

    ma nello scrivere cose tipo “Dialoghi sull’uomo già il titolo la dice lunga” non vi sentite ridicole? Da donna mi vergogno che spesso vi arroghiate il diritto di parlare a nome dell’intera categoria.Invece di protestare per qualsiasi cosa perchè non iniziate ad impegnarvi nel vostro quotidiano per dimostrare quanto le donne possano valere? Meno parole, meno stupidaggini, più impegno e cose concrete…

  3. Giovanni Landi ha detto:

    E il colmo è che la creatrice dell’evento è, guarda caso, una donna, fra l’altro bravissima!

  4. rete13febbraiopt ha detto:

    IAIA CAPUTO sulla sua pagina Facebook
    “Alcune ore fa ho ricevuto una lettera dalle donne della RETE 13 FEBBRAIO DI PISTOIA, rivolta alle istituzioni e all’opinione pubblica, nella quale si segnala che nella prossima edizione della rassegna DIALOGHI SULL’UOMO (che proprio a Pistoia si tiene), dedicata al viaggio, dei tanti relatori presenti solo due sono donne. Nella lettera non ci si limita a denunciare la solita miseria della presenza femminile, ma si fanno moltissimi nomi di donne, filosofe, antropologhe, pensatrici di diverse discipline, che avrebbero potuto essere invitate. Mi associo a questa iniziativa delle amiche di Pistoia con una breve, amara, riflessione. Dalle trasmissioni televisive di Fazio alle tante rassegne e festival che quasi quotidinamente vengono organizzati in Italia, l’assenza delle donne è una costante, fenomeno di per sé inquietante dal momento che di donne pensanti questo paese è pieno. Allora, perché? La mia opinione è che non si tratti di una discriminazione, pratica che presuppone una volontà di escludere al momento di praticare delle scelte; ipotizzo invece siamo in presenza di una misoginia diventata una sorta di riflesso condizionato, una sorta di rimozione per la quale LE DONNE SONO NON ESCLUSE MA IMPENSATE. PROPRIO NON VENGONO IN MENTE I LORO NOMI, ED E’ DUNQUE PER UN AUTOMATISMO CHE NON VENGONO INCLUSE. E’ un meccanismo perverso che si fa fatica a interrompere e bene hanno fatto le donne della Rete 13 fefebbraio a segnalarlo”
    https://www.facebook.com/caputoiaia

  5. Pingback: Dialoghi sull’uomo. Le case dell’uomo. (che la donna tacitamente pulisce!) | rete13febbraiopt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...